Servir

bisoing-13Le creazioni BioSing meritano necessariamente di essere servite in modo particolare, per questo vanno offerte sul piatto brevettato di degustazione SERVIR BioSing.

La degustazione ha inizio da sinistra verso destra, data la gradualità nell’intensità dei giusti, degli aromi.

Le fessure nel piatto ci consentono invece una maggiore superficie di contatto del prodotto con l’aria in modo da liberare i componenti aromatici.

Iniziamo la degustazione con la specialità della zaseka BioSing perché ci risveglia delicatamente e stimola le papille gustative preparandoci ad altri sapori che devono, è quantomeno consigliabile, essere in combinazione o associati a vini pregiati.

Continuiamo l’avventura con la salsiccia che ci evoca il sapore autentico, naturale, delicato e aperto della carne stagionata.

Ci sta già aspettando un duetto di salami, il primo in una combinazione di carne di maiale e manzo, e il secondo in una combinazione di carne di maiale e selvaggina. Entrambi i salami sottolineano il potenziamento dell’aroma primario, fermentato con note di piena maturità che si formano attraverso la procedura di maturazione in fase avanzata. Questa nota, o una nota riconoscibile che hanno le creazioni BioSing, viene generata tra l’altro anche grazie alla cantina sotterranea-camera di maturazione che respira e capta, ovvero assorbe, il microclima generato dai salami. In questa storia giocano un ruolo importante anche cinque processi bio-chimici fondamentali: proteolisi; lipolisi; autossidazione; penetrazione della muffa nobile ifa sino al riempimento; e maturazione della muffa nobile.

I prodotti di tali processi sono tra l’altro anche l’azoto libero, gli aminoacidi, il glicerolo, i sali minerali,… che sono i vettori principali degli aromi positivi, tuttavia hanno un effetto positivo solo in concentrazioni più piccole, per questo è molto impegnativo catturarli ovvero colpirli. Ma quando ci riusciamo, siamo, ovvero siete, premiati da un aroma armonico, ancora più complesso, pienamente che dà alle creazioni BioSing una qualità straordinaria, nobile, di qualità premium con cui il nostro prodotto ottiene un valore aggiunto straordinario, nonché una dimensione diversa o extra.

Il processo di cui sopra viene chiamato da noi LINEA-G; perché la lettera G simboleggia, ovvero si può riconoscere nel punto G (sensoriale), in Gourmet, Gastronomia.

Nelle persone del sesso debole non è ancora stata scoperta anche se la cerchiamo proprio tutti. Degustando le creazioni BioSing questo famoso punto G (sensoriale) si trova da solo ovvero viene percepito dal vostro laboratorio organolettico-la cavità orale che è il dispositivo di misurazione più preciso e sensibile.

La storia SERVIR del piatto di degustazione BioSing termina invece con la zaseka che viene integrata secondo l’ispirazione del cuoco perché per intensità può superare tutti i precedenti gusti, aromi…

Vi auguriamo un’esperienza indimenticabile, conoscendo l’essenza-la sostanza dei gusti e degli aromi che si celano nelle creazioni BioSing e che sicuramente entusiasmeranno tutti i vostri sensi.

Nel menù a tendina “storia” potete trovare i particolari su tante altre creazioni BioSing.slika-klobaska_563px